MENU

by • 28 dicembre 2015 • Life & CultureComments (0)1259

100 domande per conoscerci meglio – Rita Gloria Zambrelli, le prime 40

Rita_fiori colorati

 

Abbiamo pensato che un buon modo per farci conoscere (e magari anche per ispirarvi un po’) poteva essere rispondere noi per primi a 100 domande, le “powerful questions” del coaching.

Ecco le prime 40 risposte di Rita.

  1. Qual è il più bel complimento che tu abbia mai ricevuto? I complimenti mi imbarazzano, forse per questo me li dimentico, questo non significa che non mi piaccia riceverli.
  2. Di cosa vai orgoglioso ma non metteresti mai sul tuo CV? So fare un mosaico, so disegnare e stirare una camicia…bene.
  3. Qual è la scelta più “differente/diversa”  da te che tu abbia mai fatto?  Ho partecipato ad un saggio di danza, flamenco per la precisione.
  4. Se un misterioso benefattore ti facesse un assegno da 5.000€ e dicesse: “Aiutami a risolvere un problema, uno qualsiasi…Cosa faresti per lui o lei? Gli proporrei di passare una giornata a fare cose mai provate, un po’ matte.
  5. Cosa vorresti ci fosse scritto sulla tua tomba? Non voglio una tomba, ceneri sparse nel mare o in una prato o in mezzo ai fiori.
  6. In cosa sei straordinario? Nel fare cose normali
  7. Quale sogno hai parcheggiato per il momento? Come ti è venuto in mente/come è nato questo sogno? Avere un atelier, uno studio, dove coltivare talenti.
  8. Di cosa sei “affamato”? giornali, riviste, libri.
  9. Se potessi prendere un the con un personaggio immaginario, quale sarebbe? Mr. Darcy, vi devo dire perché?
  10. Il mattino segui una determinata routine? Si, colazione a letto, mug di tè verde con biscotti, scrivere le pagine del mattino, staccare la pagina del calendario di flow.
  11. Credi nella “magia”? Quando l’hai sperimentata? Sì. Ogni volta che succedono cose straordinarie e inaspettate senza cercarle.
  12. Solitamente su quale argomento o in quali circostanze le persone ti chiedono consiglio? Su di tutto un po’, no limits… a volte mi chiedo perché.
  13. Hai mai pensato di cambiare nome? Quale nome sceglieresti al posto dell’attuale? No, mai. Mi piace quando usano soprannomi… Rituz per esempio.
  14. Qual è stata l’ultima volta che hai provato stupore?  Mi stupisco spesso, della natura, degli animali, di un quadro, una fotografia….
  15. Qual è il tuo motto preferito o la tua canzone “guida”? I am what I am
  16. Hai mai desiderato qualcosa ardentemente? Cosa? Più di una cosa. Studiare in una scuola d’arte, avere un cavallo o un asino, una casa in campagna, …devo continuare?
  17. Qual è la tua definizione di ospite ideale? Rispettoso, gentile, colto.
  18. Se tu avessi 100$ da spendere per te ogni settimana, cosa faresti? 60 li spendo per acquistare riviste, libri di illustrazione o delle matite colorate, 40 li metto da parte per un regalo più grande.
  19. Se potessi sederti a chiacchierare con la versione 15enne di te, cosa le diresti? Non avere paura, non permettere a nessuno di decidere della tua vita, divertiti e impara più che puoi, viaggia e scopri.
  20. Di cosa sei stanco o annoiato? Del mio lavoro, che è vuoto e senza obiettivi e progetti. Sono stanca delle persone che pensano che il mondo comincia e finisce con loro.
  21. Qual è la torta di compleanno più buona che tu abbia mai mangiato? Devo ancora mangiarla
  22. Come ti relazioni ai mendicanti per la strada? Aiuto quelli che vedo abitualmente nella mia zona, al supermercato, vicino alla chiesa, davanti alla pasticceria.
  23. Pensi che l’amore sia più un un’ alchimia chimica, intellettuale o spirituale o pensi che sia qualcosa di completamente indefinibile? All’inizio pura chimica, ma non basta, ci deve essere anche un’affinità elettiva.
  24. Hai mai sognato di iniziare un’attività? (Oppure, se hai già un’attività: hai mai pensato di iniziarne una nuova)? si, da una decina d’anni almeno.
  25. Hai paura di volare? (Se si, da quando)? Si ho paura, da quando ho attraversato un temporale tornando da Roma, ma la voglia di partire è più forte.
  26. Qual è la tua priorità da qui a fine anno? Svuotare cassetti e armadi.
  27. Se potessi studiare uno strumento, quale sarebbe? Percussioni
  28. Sei mai stato preoccupato per la tua sicurezza/salute? Si è una preoccupazione continua, mi fa paura la malattia.
  29. In cosa sei esperto? Esperta in nulla, conosco bene alcune cose e altre le sto imparando.
  30. Perché ti ritieni esperto: per gli studi compiuti, per vita vissuta, per entrambe le cose? Quello che so è una combinazione di vita vissuta e studio
  31. E’ mai capitato che un insegnante cambiasse la tua vita o avesse un forte impatto sulla tua vita? Sei si, come? Non ne ho uno in particolare, ma più di uno e da ognuno ho ricevuto qualcosa.
  32. Ci sono delle faccende domestiche che ti piace fare? Se sì, quali sono e perchè ti piacciono? Lavare i piatti, per me è una forma di meditazione
  33. Come gestisci l’autocritica? Non la gestisco, la lascio lavorare liberamente.
  34. Se potessi creare il tuo profumo come sarebbe e cosa includerebbe? Mare in inverno, erba tagliata, tè Matcha, mughetto
  35. Quando provi paura cosa senti nel tuo corpo? Respiro corto, cuore in gola.
  36. Pensi di stare lavorando al 100% delle tue possibilità? Forse non al 100%, ma più di così muoro.
  37. Cosa ha più valore per te: tempo libero, soldi, riconoscimento? Non faccio torto a nessuno 33% each, l’1% che avanza omaggio.
  38. Se tu potessi salvare dall’estinzione una specie protetta, quale sceglieresti? La Tigre… roar.
  39. Ci sono delle leggi o delle regole sociali che non comprendi o sulle quali hai delle perplessità? Si, una lunga lista…. Non tollero, ad esempio, l’imposizione di un governo non eletto e peraltro siamo al quarto… credo sia una vergogna per una democrazia.
  40. Ti piacerebbe scrivere un libro? Se si, riguardo cosa? No, preferisco leggerlo. Mi piacerebbe creare una rivista.

 

Rita Gloria Zambrelli

Rita Zambrelli

Un lavoro nella finanza come CRM e grandi passioni artistiche che coltivo frequentando corsi di pittura, illustrazione, mosaico e design. Nel 2012 capito per caso in Accademia e intuisco immediatamente che è un posto speciale: frequento il primo Master in Coaching di ADF e comincio un nuovo viaggio.
Questa combinazione di esperienze lo metto ora a disposizione di chi desidera dare nuova linfa al percorso lavorativo, scoprire e sviluppare i propri talenti e reinventarsi professionalmente e personalmente. Smettiamo di inseguire i sogni, catturiamoli e portiamoli con noi per inventarci la vita che ci piace di più.

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>