MENU

by • 3 maggio 2017 • Life & CultureComments (0)500

Bookcoaching: Una vita a parte

 una vita a parte

Era l’opposto di tutte le paure,

la sicurezza che la vita fosse ancora un tesoro da custodire

e che quel bene fosse suo di diritto.

  

            Da piccola uno dei miei passatempi preferiti era sfogliare per ore, seduta a terra con le gambe incrociate, due enormi volumi di arredamento che i miei tenevano sul tavolino del salotto.

Mi sono sempre divertita a immaginarmi in case tutte diverse: a ogni loro stile corrispondeva un mio stile di vita.

Tutt’oggi mi piace visitare le case, anche scorgerle dalle finestre aperte o illuminate mentre passeggio in strada e no, non si tratta di ficcanasare, piuttosto di fantasticare sulla quotidianità tra quelle pareti: mi diletto a inventarne il copione con scene, dialoghi, suoni e addirittura odori, soprattutto provo a percepirne pensieri ed emozioni.

Oh se potessi vivere tutte le vite di cui vagheggio!

Perché sì, la maggior parte delle volte la casa rappresenta la personalità di chi vi abita e non è poi così raro che quando si desidera un cambiamento nella propria vita, dopo esser passati da nuovo taglio e colore di capelli (soprattutto per le donne), è dalla casa che si (ri)parte con le modifiche, quando in quelle stanze proprio non ci si riconosce più, fino addirittura a trasferirsi altrove.

Perché la casa non è solo un tetto sotto cui ripararci dalle intemperie o proteggerci dalle ingerenze altrui: è principalmente una manifestazione esterna di noi stessi.

Facciamoci caso: quanto somigliamo alla nostra casa?

Nel romanzo Una vita a parte di Anita Brookner tra i particolari che ho apprezzato di più è che tutti e quattro i personaggi, un uomo protagonista e tre donne che costellano a vario titolo la sua vita, abbiano (o meno) una casa che riflette la loro personalità.

Come Helena millantava una popolarità e una vita sociale intensa che si era rivelata per quel che era: una finzione, così il suo appartamento era pieno di tutti quei mobili. Tutte quelle cose. E così tranquillo, lontano chilometri da tutto!

La signorina Gardner, personalità vagabonda, era di fatto senza fissa dimora e di solito stava da amici che parevano non avere un nome o un telefono: la sua evasività era un modo per scansare gli impegni.

Invece la casa abbandonata di Sarah si rivelò una brutta villa gialla con le ringhiere azzurre … l’interno era altrettanto ostile … di un certo valore, senz’altro, ma inadatta a ispirare affetto; emblema di uno sfarzo passato: lei e il marito si erano divertiti, per sua stessa ammissione, senza mai chiedersi se volevano di più … costruendo un’esistenza che si adattava a loro senza turbarli, chiusi ognuno nel proprio mondo, evitando così le domande.

Infine Sturgis, uomo educato e diligente, abitudinario, troppo serio e responsabile, incapace a godersi il momento, il qui ed ora, anche nelle storie amorose; timoroso di recare disturbo a chicchessia, compiacendone le aspettative con una gentilezza esasperata fino a soffocare qualsiasi proprio slancio passionale e reprimere un’intensa rabbia. Viveva solo in un appartamento che un tempo aveva considerato ideale, ma che ora lo deprimeva oltre l’immaginabile … che non era mai riuscito a definire casa … ogni giorno si sentiva a disagio fino a quando non usciva in strada a caccia di qualcuno cui rivolgere un sorriso … Sturgis ammetteva che l’appartamento era un’espressione delle sue ambizioni iniziali, di un innocente snobismo … ancora una volta la realtà era diversa. La realtà era soprattutto la silenziosa camera da letto sul retro, che nessuna donna frequentava da più di quanto riusciva a ricordare. … C’era una quiete che qualunque individuo raziocinante avrebbe invidiato, e che invece lo faceva sentire inerme. Se avesse gridato (cosa che si guardava bene dal fare), nessuno l’avrebbe sentito. Se si fosse sentito male non ci sarebbe stato nessuno a portata di mano … Il suo appartamento, invece, con i suoi minimi vantaggi e l’innegabile comodità, gli risultava sempre estraneo … Semplicemente non era casa.

Da qui la consapevolezza di non sentirsi più a suo agio nella comoda routine a cui si era votato per oltre settanta anni e l’esigenza di assecondare quell’agognato cambiamento per rendere tollerabile il tempo che gli rimaneva … doveva considerare l’ipotesi di mutare rotta, per quanto malvolentieri … E se avesse dovuto rinunciare a certe care abitudini, alla solitudine, alla mancanza di responsabilità, ne sarebbe valsa la pena … Non poteva più sostenere una vita di ripiego, accontentandosi di un’esistenza confortevole ma poco confortante.

            A volte è necessario chiudersi la porta di casa alle spalle, e non è mai troppo tardi per farlo, guardando avanti e intraprendendo il viaggio verso una vita diversa. Verso un nuovo inizio.

(Anita Brookner, Una vita a parte, Neri Pozza, Vicenza 2010)

Flavia Ingrosso

Flavia per Blog ADF

Da quando ho memoria le mie più fedeli compagne di viaggio sono sempre state le note musicali e le lettere dell’alfabeto, per esprimere emozioni e per leggere e raccontare storie; nel lavoro mi divido felicemente tra la musica e i libri, ma frequento anche il Master in Coaching di Accademia della Felicità perché anche io come Goethe ritengo che è “libero ognuno d’occuparsi di ciò che lo attrae, che gli fa piacere, che gli pare utile, ma il vero studio dell’umanità è l’uomo”.

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>