MENU

by • 2 ottobre 2013 • Sogni & ProgettiComments (0)852

BRAND MAP 4 – Il timore di parlare di sé

 

Spiegare agli altri cosa facciamo, parlare del nostro lavoro, della nostra attività o idea: sembra una cosa semplice ma spesso non lo è, almeno non per tutti e anche qualcuno del team di ADF ne sa qualcosa (chiedete ad Ambra). Per questo il quarto articolo dedicato al branding o meglio alla presenza on-line riguarda la capacità di parlare di se stessi e il timore che questa attività suscita in molti di voi (e alcuni di noi).

Essere in grado di comunicare il vostro lavoro (senza essere eccessivamente autoreferenziali o boriosi) è uno strumento essenziale per il successo perché la passione che traspare dalle parole vale molto di più, a volte, di mille spiegazioni dettagliate. L’enfasi e l’entusiasmo possono arrivare velocemente al cuore delle persone e non solo alla loro mente. La difficoltà nel dire agli altri ciò che si fa è, molto spesso, una questione di autostima. Bisogna innanzitutto credere in se stessi e poi anche nel proprio lavoro o nella propria passione.

Se non riuscite a parlare (o scrivere) di quello che fate, di ciò che vendete, del ruolo che ricoprite o della  vostra passione più grande significa che pensate di non essere abbastanza bravi, abbastanza “adatti” o significa che in fondo al cuore pensate che non avrete mai successo. Significa che siete i primi a non credere in voi.

Se non riconoscete il vostro valore come possono riconoscerlo gli altri? Sì, forse qualcuno che ha modo di frequentarvi con una certa costanza può comprendere e apprezzare il vostro valore e quello della vostra attività/idea/creazione ma ricordate che la maggior parte delle persone che si avvicinano a voi e che potrebbero essere interessate al vostro lavoro non avrà tanto tempo per farsi un’idea approfondita di come siete e ciò che fate. A meno che… a meno che voi non siate in grado di comunicarlo facilmente e velocemente facendo trasparire la vostra energia e la vostra dedizione.

Parlare di sé può davvero far paura ma noi di ADF vi assicuriamo che superare questa paura può portare tanti grandi benefici per la vostra crescita personale ma anche per  la vostra attività e per farvi conoscere da un pubblico più vasto.

Vi sembrano benefici e motivazioni da persone egoiste?  Allora non dovete dimenticare che parlare di voi può essere importante anche  per chi vi ascolta. Avete mai pensato che la persona che avete davanti potrebbe avere bisogno di aiuto e che potrebbe trovarlo proprio in ciò che voi offrite ma che se  voi non avete il coraggio di parlarne non lo saprà mai? Non parlare può equivalere a non aiutare una persona che ha bisogno di supporto.

Non si tratta di assillare le persone sulla bontà dei vostri prodotti o dei vostri scritti fino a provocare lo sfinimento dell’interlocutore. Si tratta semplicemente di avere il coraggio di parlare di sé con amore per il tempo necessario a far trasparire la vostra passione.

Ancora una volta, si tratta di parlare con autenticità.

Le informazioni che possedete e i prodotti che offrite possono essere di qualità ma le persone decidono se entrare in “relazione” con voi e diventare vostri lettori o clienti anche e soprattutto per come siete voi, per come vi proponete e mostrate. A parità di informazioni e contenuto fornito siete voi a fare la differenza.

Quindi, ricordatevi: quando qualcuno vi chiede di presentarvi, vi pone delle domande sulla vostra attività, sui vostri prodotti o sul vostro blog, parlate con il cuore. Non liquidate tutto in due parole bofonchiando qualcosa di poco comprensibile ma cercate di aprirvi. Alcune persone vi capiranno pienamente altri invece si limiteranno ad apprezzare la vostra passione ma in ogni caso tutti riconosceranno il vostro valore.

Vi è capitato che qualcuno vi prendesse poco sul serio o facesse commenti offensivi?  Beh, in questi casi molto spesso il problema non è vostro ma dell’interlocutore: rabbia, invidia, cinismo, spirito distruttivo che trova sfogo nel denigrare le potenzialità altrui. Una critica ben fatta non è distruttiva ma costruttiva. Tutto il resto è un problema altrui.

Un episodio simile è capitato anche alla nostra Francesca Z. ad un Social Dining e Francesca ha anche avuto il coraggio di raccontarcelo in un vecchio post. Leggetelo qui.

Anche per noi di ADF, quindi, non è sempre stato facile. Come si può parlare di felicità in questo momento storico e in questa società? E come far capire che felicità può andare di pari passo con realizzazione, efficienza, produttività, efficacia e che ricercare la propria felicità sia la chiave di volta per vivere una vita piena?

Eppure noi non ci siamo fermati. Continuiamo a farci conoscere e pensiamo di essere sulla buona strada. Abbiamo avuto tanti successi e riconoscimenti, alcuni di grande portata, altri più piccoli. Abbiamo conosciuto anche detrattori e critiche ma andiamo avanti perché un singolo commento positivo di un cliente o di chi ci segue ma anche un sorriso sul viso di una persona che ci legge è per noi il più grande successo.

CREDETE IN VOI E NEL VOSTRO PROGETTO e PARLATE.

 

 

Related Posts

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>