MENU

by • 19 novembre 2014 • Sogni & ProgettiComments (2)2301

Quando ti accorgi di non essere sbagliato

SW_JakobWilliams

Per dirla tutta, non è che sia stato molto bene in passato nella mia condizione di introverso.

Il mondo era un mondo di brillantoni, difficoltà a relazionarsi con gli altri, sempre un po’ in disparte, molto faticoso al lavoro emergere, opportunità perse e via così.

Il pensiero di essere “sbagliati” arriva. I pensieri tipo “se potessi essere più sicuro”, “se riuscissi a parlare di più “ arrivano, la voglia di essere diversi si insinua, ci provi.

Ci provi e non ci riesci, fino al momento che grazie a qualcosa, a qualcuno ma soprattutto grazie a te stesso ti accorgi che basti a te e al mondo, che tutti hanno qualcosa da dare, che tutti hanno i loro difetti, che vai bene così come sei , che invece di cercare di essere qualcun altro sei te stesso e per fortuna è così.

La cosa incredibile è che nel momento in cui prendi consapevolezza di te stesso succedono automaticamente delle cose, vedi le cose in maniera diversa e queste cose accadono:

1)          Si vedono nuove opportunità

Quando sei consapevole di te stesso, di quello che sei e che sai, le porte ti si aprono davanti. Prima non potevi vedere queste opportunità perché eri concentrato su cosa avresti dovuto fare o essere. Se tornassi indietro e qualcuno mi avesse detto che avrei fondato una società e che questa società faceva coaching, eventi e formazione, gli avrei risposto se dormiva in un campo d’oppio.

2)        Si diventa più consapevoli del mondo intorno a se

La tua visione diventa più chiara quando smetti di preoccuparti di chi dovresti essere. Vedrai i problemi delle persone come loro problemi e non più come tuoi. Capisci la vera problematica e non la giudichi solo dalla tua prospettiva nella quale per forza il problema sei tu.

3)        Non si percepisce più se stessi come dei falliti

Tutti quei problemi di relazione potevano creare questa sensazione di fallimento in un mondo dove non bisogna averli. Ma essere consapevoli che nessuno fa tutto nella maniera corretta e che i fallimenti sono intrinsechi al successo riesce a ribaltare questa sensazione.

4)       Non fai più paragoni tra te e gli altri

Con l’idea di essere più forte, più affascinante, più interessante continuavo a paragonarmi alle persone che secondo me erano persone di successo senza pensare che appunto, anche loro, erano persone, con i loro difetti, i loro problemi e le loro paure. Essere più consapevoli ti fa apprezzare quello che sei e quello che sono gli altri prendendo tutto per quello che realmente è.

5)        Ci si ama di più

Questa è stata la cosa più difficile da imparare. Nella mia vita ho aiutato gli altri ma in realtà quello che facevo era aiutare me stesso, crearmi una dose di autostima che mi permettesse di stare meglio. Ora mi amo di più, mi amo per come sono e per quello che sono, e aiutare gli altri non è più un macchinoso meccanismo di tamponamento. Quando accettiamo che siamo semplicemente umani, che , come tutti, abbiamo i nostri pro e i nostri contro abbiamo tolto tutti i blocchi che ci hanno impedito di realizzare il nostro vero potenziale.

Related Posts

2 Responses to Quando ti accorgi di non essere sbagliato

  1. laura scrive:

    Complimenti! Ci si riscopre ad ogni età, non c’è limite al meglio :)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>